Il tasso di disoccupazione non scende e resta ai livelli top dal gennaio 2004. Secondo le ultime rilevazioni Istat, il tasso riferito al mese di agosto è rimasto stabile al 10,7%, lo stesso livello di luglio e giugno. Diverso il discorso per il dato calcolato su base annua, che fa registrare un +2,3%. Il numero dei disoccupati, spiega l’Istat, è pari a 2 milioni 744 mila.

Gli inattivi tra i 15 e i 64 anni aumentano dello 0,6% (92 mila unità) rispetto al mese precedente. Il tasso di inattività si attesta al 36,3%. Ad agosto l’occupazione maschile segna una variazione negativa sia in termini congiunturali (-0,1%) sia su base annua (-1,2%). L’occupazione femminile diminuisce dello 0,7% rispetto al mese precedente, ma aumenta dello 0,9% nei dodici mesi. Il tasso di occupazione maschile, pari al 66,7%, è invariato rispetto a luglio e cala di 0,9 punti percentuali su base annua. Quello femminile, pari al 47,2%, diminuisce di 0,3 punti percentuali in termini congiunturali e aumenta di 0,6 punti rispetto a dodici mesi prima. Nell’ultimo anno, quindi, c’è stata una ripresa maggiore della disoccupazione maschile rispetto a quella femminile

Unico dato in lieve ripresa è quello della disoccupazione giovanile (15-24 anni), che nei mesi scorsi aveva fatto registrare numeri record. Ad agosto è al 34,5%, in diminuzione di 0,5 punti percentuali su luglio, mentre risulta comunque in aumento di 5,6 punti su base annua. Lo rileva l’Istat (dati destagionalizzati e provvisori) aggiungendo che tra i 15-24enni le persone in cerca di lavoro sono 593 mila.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Medici a partita Iva, infermieri a termine: la precarietà va anche in ospedale

next
Articolo Successivo

Lavoro, Fornero: “Laurearsi male non serve, meglio formazione tecnica”

next