La moda passa lo stile resta (Coco Chanel)

In tutta sincerità, voi ve le mettereste queste scarpe? Modello ammazza/caviglia, cinturino poco donante che non slancia la gamba ma la intozzisce, rendendola sexy quanto un ceppo di legno, zeppona con punta tonda e rialzata da vere equilibriste. Prezzo (alla faccia della crisi) 950 euro. Miuccia Prada è un genio, di questo scherzo esposto nelle vetrine di via Montenapoleone riesce a fare un must modaiolo.

Scarpa donna Prada: prezzo 950 euro

Per lui invece Miuccia ha calato il classico stringato maschile in pelle nel copriscarpa gommato anti/pioggia e li ha fusi insieme. Il risultato è un improponibile bicolore rosso e nero.

All’ultima presentazione Miuccia è diventata più cupa del solito, si ispira a un Giappone dark ( a quello post-tsunami). La geisha pradizzata si infila l’infradito sopra i calzini di pelle. E’ un boato di stupore, le giornaliste di moda storcono il naso. Ma questo è business, bellezza! Miuccia è una potente inserzionista pubblicitaria. Guai a parlarne male, vuol dire togliere ossigeno, cioè pubblicità, al già agonizzante mondo dei giornali. Di Prada si parla bene e basta. Anche se i suoi vestiti sembrano scovati a un mercatino dell’usato e “rinfiocchettati” pronti per l’uso da fashion victim. Quest’inverno vedremo un broccato così spesso da sembrare una corazza. Prada ovvero l’estetica del brutto che diventa bello. VOTO 4

Scarpe da uomo di Prada

Alessia Caliendo è napoletana e fa la concept stylist ( ha scritto così sul biglietto da visita) indossa un decolleté di vernice bianca che fa molto Miu Miu con calzino maschile arrotolato. Comprate su Asos, lo shopping on line più amato dalle fashioniste – dice lei – per 49 euro. VOTO 7

Arriva in ciabatte, sì proprio quelle da infilarsi dopo la doccia, Manos Samartzis indossa invece un completo di lino bianco. E’ l’ editor di NakedButSafe magazine ma sul biglietto da visita scrive fashion boss (chissà cosa vorrà dire). Voglia di stupire a tutti i costi. Solo la voglia. VOTO 4

Alessia Caliendo con "finte" Prada a 49 euro su Asos

Blouson rigonfio in tela di lino grezza a spicchi sottolineati da nervature di pelle, la sahariana raddolcita da maniche d’organza e pronta a trasformarsi nella più rilassata delle robe-manteaux. Incrostazioni di scaglie di coccodrillo impreziosiscono il bomber. Sempre nel mood coloniale e il completo di seta stampata mimetica con citazioni animalier. Pantere che si affacciano da uno strappo dell’abito di maglia, non mancano puma, pitoni e coccodrilli. E tucani ricamati su shorts da sera. Mi state ancora leggendo? Io stavo per addormentarmi mentre sfogliavo la cartella stampa di Krizia. VOTO 4+

Sarebbe stata una bella storia, la stilista keniota Adéle Dejak realizza il suo sogno e per la prima volta approda alla serata di Vogue “Who is next” dedicata ai nuovi talenti, portando i suoi manufatti artigianali realizzati in tessuto etnico. Ma poi scopriamo che è la moglie dell’ambasciatore italiano de Stefano Dejak. VOTO NC

LEGGI LA PAGELLA NUMERO UNO DI COCO’ FLANELLE

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano fashion week, arriva anche la sostenibilità con “So critical, so fashion”

prev
Articolo Successivo

Milano fashion week, la pagella di Cocò Flanelle/3

next