E’ alle ultime battute l’inchiesta della procura di Napoli sul presunto tentativo di estorsione ai danni dell’ex premier Silvio Berlusconi che vede indagati l’ex direttore dell’Avanti Valter Lavitola e l’italo-argentino Carmelo Pintabona, arrestato all’inizio di agosto. Secondo indiscrezioni i pm Vincenzo Piscitelli e Henry John Woodcock e il procuratore aggiunto Francesco Greco si appresterebbero infatti a inoltrare al gip nei prossimi giorni una richiesta di giudizio immediato.

Il nome di Berlusconi, indicato dai magistrati come persona offesa dal reato, verrebbe inserito nell’elenco delle persone chiamate dai pm a deporre nel corso dell’eventuale dibattimento (l’ex premier potrebbe avvalersi tuttavia in aula della facoltà di non rispondere in quanto indagato in un procedimento connesso, ovvero l’inchiesta su Gianpaolo Tarantini e le escort condotta dalla procura di Bari).

Le conclusioni dei pm sono in linea con quanto stabilito il 24 agosto scorso dal tribunale del Riesame di Napoli che ha confermato parte delle accuse contestate ai due indagati, qualificando comunque il reato non come estorsione consumata bensì come tentativo di estorsione. Secondo l’accusa Lavitola durante la latitanza in Sud America avrebbe tentato di estorcere ingenti somme di denaro a Berlusconi (minacciando rivelazioni in relazioni ad alcune vicende giudiziarie, tra cui il caso Tarantini-escort.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Dossier illeciti, Telecom e Inter condannate a risarcire Bobo Vieri

prev
Articolo Successivo

Mafia, pm Cantone: “Utopia pensare che i partiti evitino candidati collusi”

next