La morte di Mika Yamamoto ha spinto alcuni colleghi a riflettere sul ruolo del giornalismo e la libertà di stampa giapponese nelle aree più pericolose del pianeta. Ma anche sui crescenti rischi che corrono i corrispondenti dal Giappone.

Yamamoto era una giornalista esperta che per circa vent’anni aveva seguito conflitti in Iran, Kosovo e Cecenia. In Siria stava lavorando assieme a un collega per la Japan Press, un’agenzia di stampa giapponese indipendente. È stata uccisa da un proiettile che le ha colpito il collo a distanza ravvicinata, mentre stava lavorando in un quartiere di Aleppo dove infuriavano gli scontri. La corsa d’urgenza in un ospedale a Kilis, una città turca al confine con la Siria, non è servita a salvarle la vita.

Yamamoto è ufficialmente la quarta giornalista straniera uccisa nel conflitto civile in Siria, dopo Marie Catherine Colvin, Gilles Jacquier e Rémi Ochlik. Ma la sua morte ricorda anche quella di altri due giapponesi morti di recente, quella di Kenji Nagai di APF News in Birmania nel 2007 e Hiro Muramoto di Reuters in Tailandia neil 2010.

Con l’aumento degli interessi commerciali del Giappone in tutto il mondo crescono anche le aree di rischio per i cronisti, ricorda la Committee to protect journalists (Cpj). I recenti e crescenti scontri per le isole contese con la Corea (Takeshima in giapponese e Dokdo in coreano) e la Cina (Senkaku in giapponese e Diaoyu in cinese) stanno aprendo un nuovo fronte nella battaglia per la libertà di stampa in Estremo oriente. In ballo per il Giappone c’è anche il ventiduesimo posto (l’Italia è al 61esimo), tra 179 paesi, nella classifica 2011-2012 sulla libertà di stampa di Reporter senza frontiere.

“Il futuro economico del Giappone è legato agli eventi globali, dall’estrazione di petrolio in Nigeria, alla liberalizzazione del commercio in Vietnam. I giornalisti che seguono le notizie in questi paesi affrontano violenze e persecuzioni”, scriveva già nel 2010 Joel Simon, direttore di Cpj. “Difendere i diritti dei giornalisti in tutto il mondo è un modo per i media giapponesi di espandere la propria influenza nel campo della libertà di stampa e il proprio prestigio, riaffermando dall’altra parte l’impegno per i più alti ideali della professione giornalistica”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

La Repubblica tradita

di Giovanni Valentini 12€ Acquista
Articolo Precedente

Dialogo sulle notizie scomode

next
Articolo Successivo

Youtube, due pesi e due misure

next