In attesa della sentenza della giustizia sportiva, che sul caso si pronuncerà domani, la Gazzetta dello Sport è sicura: Antonio Conte, allenatore della Juventus, sarà condannato a 10 mesi di squalifica. Sempre per il quotidiano “rosa” saranno prosciolti i giocatori bianconeri Leonardo Bonucci e Simone Pepe. La Disciplinare, si legge sul giornale sportivo, avrebbe infatti riscontrato che non ci sono elementi sufficienti sulla partita Udinese-Bari, che coinvolgeva Bonucci e Pepe, mentre le dichiarazioni dei “pentiti” Filippo Carobbio e Carlo Gervasoni, che avevano tirato in ballo Conte quando era allenatore del Siena, sarebbero ritenute attendibili. Dopo la sentenza ufficiale di domani, il 20 agosto si tornerà in aula per gli appelli.

La pena per l’attuale allenatore della Juve dovrebbe quindi essere inferiore a quella richiesta dal procuratore sportivo Stefano Palazzi, che dopo aver  accantonato definitivamente qualsiasi richiesta di patteggiamento per Conte e il suo vice Angelo Alessio, ha proposto una condanna a un anno e tre mesi di squalifica e 200mila euro di ammenda. La giustizia sportiva ha indagato i tecnici della squadra bianconera, per doppia omessa denuncia. I due infatti avrebbero dovuto far conoscere alla Federazione italiana gioco calcio tutto quello che sapevano sulle presunte combine nelle partite Novara-Siena e AlbinoLeffe-Siena, entrambe disputate nella primavera 2011 quando Conte sedeva sulla panchina toscana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Schwazer e la paura di deludere

prev
Articolo Successivo

Alex Schwazer in sostituzione del giallo dell’estate

next