Il consigliere Pdl dell’Emilia Romagna, Alberto Vecchi, presto potrebbe essere costretto a dimettersi. Se dovesse essere rinviato a giudizio per l’inchiesta che lo vede indagato per truffa aggravata, infatti, la Regione si costituirà parte civile nel processo. A quel punto, il consigliere e coordinatore del Pdl sarebbe costretto ad abbandonare il suo posto in viale Aldo Moro. Lo stabilisce una legge del 1981, secondo la quale chi ha una “lite pendente con la Regione, la Provincia, o il Comune non può ricoprire la carica di consigliere regionale”.

A spiegarlo è il capogruppo regionale del Movimento 5 stelle, Andrea Defranceschi, che, facendo una richiesta di accesso agli atti per una delibera di giunta secretata, ha scoperto che la Regione  ha già dato mandato a un avvocato. “Se sarà rinviato a giudizio, Alberto Vecchi sarà sostituito da Ubaldo Salomoni –  spiega Defranceschi, che sollevò il caso dei rimborsi di Vecchi pubblicando un video online-. È la conseguenza della delibera che sancisce la costituzione della Regione Emilia Romagna come parte civile nel processo contro Vecchi, per la presunta truffa di 85 mila euro sui rimborsi chilometrici”. Defranceschi sottolinea poi come il ruolo in Regione sia incompatibile con quello di accusato: “Vecchi si difenderà, come è giusto, ma se sarà rinviato a giudizio il suo incarico decadrà”.

Dunque in autunno Vecchi potrebbe abbandonare la Regione dopo sei anni di attività. Consigliere e coordinatore provinciale del partito a Bologna, Alberto Vecchi, è entrato a fare parte per la prima volta dell’Assemblea di viale Aldo Moro nel 2006, dalla morte di Marcello Bignami, ottenendo poi la riconferma alle elezioni del 2010. Ad aprile, la procura di Bologna aveva chiesto il rinvio a giudizio. Il reato ipotizzato dai magistrati è truffa aggravata ai danni della Regione Emilia Romagna. Vecchi avrebbe cioè dichiarato all’ente una residenza diversa rispetto a quella reale, e ben più lontana da Bologna, ottenendo in questo modo un rimborso spese per il trasporto di 1344 euro al mese, e di 1464 euro dal 2007 grazie ad un aumento. Il tutto dalla metà del 2006 alla metà del 2011, per un totale quindi di 75 mila euro circa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Referendum scuole private, il Pd scomunica la consigliera ribelle

prev
Articolo Successivo

Magneti Marelli, la Fiom batte nuovamente Marchionne in tribunale

next