C’è anche l’Antico Caffè Chigi a Roma tra i beni confiscati dal personale del centro operativo della Direzione investigativa antimafia della Capitale. Il locale si affaccia su piazza Colonna, sul lato opposto rispetto al portone principale di Palazzo Chigi, a due passi dalla Camera dei Deputati. Gli investigatori hanno confiscato beni per circa 20 milioni di euro a personaggi legati alla ‘ndrina dei Gallico di Palmi (Reggio Calabria). Lo ha deciso il Tribunale di Roma, presieduto da Guglielmo Muntoni, su richiesta del procuratore distrettuale antimafia di Roma Giuseppe Pignatone e del sostituto Giovanni Bombardieri. Il locale venne sequestrato il 5 luglio del 2011 dalla Dia, assieme agli altri beni riconducibili (secondo la magistratura) alla cosca calabrese: a un anno e mezzo di distanza è scattata la confisca, con la quale il bene viene definitivamente acquisito dallo Stato. Dal giorno del sequestro l’Antico Caffe Chigi è rimasto chiuso: accanto all’ingresso è ancora affisso il menù a muro, in inglese e in italiano: 15 euro per una degustazione di piatti tipici romani come carbonara e amatriciana, vino consigliato il Montepulciano d’Abruzzo a 10 euro. Oltre allo storico locale nell’omonima e centralissima piazza della Capitale sono diventati beni dello Stato 18 società tra le quali un centro estetico e numerose società di intermediazione finanziaria nonché un centinaio di rapporti bancari. Nel provvedimento di confisca è compresa anche una lussuosa villa con 29 stanze con piscina, a Formello.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

L’Aquila, “frode nei materiali” nella new town di B: “Antisismicità a rischio”

next
Articolo Successivo

Lecco, chiuderà il canile della Brambilla. Il Comune: “Non risponde ai requisiti”

next