Quello di Benito Mussolini a Pieve di Gualtieri fu un periodo di passaggio, prima che il futuro capo del fascismo emigrasse in Svizzera. A firmare la delibera d’assunzione era stato il sindaco del comune della Bassa reggiana,  l’avvocato socialista Alessandro Mazzoli.

Il giovane Mussolini fu destinato come maestro nella classi seconda e terza elementare, ma la sua passione per la politica ebbe subito il sopravvento: fu  eletto segretario del circolo socialista di Gualtieri, dove tenne due soli comizi: uno il 1° maggio e uno il 2 giugno per l’anniversario della morte di Garibaldi.

Il trasferimento oltralpe fu dovuto anche alla relazione che Mussolini intrecciò con una Giulia Fontanesi, lavandaia sposata, madre di un bambino, Ippolito. Il marito della donna in quel periodo stava prestando servizio militare. Quando tornò, saputo del tradimento, fece cacciare la donna di casa dagli stessi genitori. Giulia Fontanesi andò a vivere da sola col figlio ma continuò a vedere Mussolini. A Gualtieri cominciò anche a circolare la voce, al quale anche negli anni a seguire molti hanno dato credito, che quel bambino, data la somiglianza, fosse figlio di Mussolini.

di Antonio Murzio

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Rimini, cadavere di una ragazza sgozzata trovato in riva al mare

prev
Articolo Successivo

Quixa: “Noi abbiamo eliminato quella clausola”

next