Ospite della trasmissione radiofonica “Chiambrettopoli“, in onda su Radio Due, l’ex modella Alena Seredova, moglie di Gigi Buffon, risponde così a Chiambretti, che le chiede se il marito deve parlare o parare: “Gli vengono bene tutte e due”. Al conduttore che le fa notare i rischi conseguenti alle esternazioni di Buffon, la Seredova replica: “Gigi è un numero uno coraggioso in tutti i sensi, nel calcio e nel parlare. Probabilmente, anche se l’Italia è un paese libero, la parola non è così tanto libera come si dice”. E a proposito della sfuriata del marito contro i giornalisti a Coverciano e delle polemiche susseguitesi, ribadisce: “E questo lo chiami paese libero?“. Riguardo ai “bad boys”, Cassano e Balotelli, la Seredova afferma: “Antonio non mi sembra un ‘bad boy’, è un bravo ragazzo ed è un padre di famiglia. Balotelli che mio figlio chiama Super Mario, non lo conosco personalmente, ma se fosse passato da piccolo da casa mia, lo avrei raddrizzato un po’ in una settimana”. E conclude: “Siamo come ci viene permesso di essere, si vede che a Balotelli non è stato mai detto di no” di Gisella Ruccia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La storia di Mahmoud: detenuto illegalmente da Israele, si lascia morire

prev
Articolo Successivo

(N)Euro 2012 – Imbarazzo Rai: ospite ride a una battuta di Gene Gnocchi

next