Ieri è stato il primo giorno di pausa agli Europei 2012. Nonché il primo giorno utile per tirare le somme di due settimane vissute pericolosamente, in campo e fuori. E’ il momento, dunque, di assegnare i (N)Euro Trash Awards 2012 ai migliori (o peggiori) di questi Europei polacco-ucraini. 

Premio “M’illumino di immenso”
A Paola Ferrari che, da sola, produce più energia di una miniturbina Francis. Dato l’effetto catarifrangente, il ministero dei Trasporti sta pensando di utilizzarla sulle autostrade al posto della segnaletica luminosa in caso di incidenti. Illuminante. 

Premio “Nichi Vendola”
A Marino Bartoletti che fa di tutto per non farsi capire da chi lo ascolta. Si crede poeta, ma il dubbio è che giochi a shanghai con le parole. Ne sceglie trenta a caso e poi prova a comporre frasi senza senso. Accademico della Crusca. 

Premio “Leopoldo Mastelloni”
Ad Antonio Cassano, dal prossimo anno “madrina” dei raduni di Forza Nuova e Militia Christi, che ci ha fatto capire una volta di più che è meglio essere froci che fascisti. Piume di stru(n)zzo. 

Premio “C’è del marcio in Danimarca”
A Gigi Buffon e Giorgio Napolitano, che forse hanno entrambi qualcosa da nascondere. Ecco spiegato il feeling tra i due, con il presidente che ha considerato solo il portierone quando ha fatto visita allo spogliatoio degli Azzurri. Alla fine scopriremo che Nicola Mancino scommetteva nella stessa tabaccheria di Buffon. Scommettiamo? Tranelli d’Italia. 

Premio “Ho molti amici gay”
Ad Alessandro Cecchi Paone, che pur di far parlare di sé tra poco annuncerà di aver fatto sesso con Tinky Winky dei TeleTubbies e con Rosi Mauro.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Firenze culla di cultura e calcio, contro la Sla

prev
Articolo Successivo

Euro 2012, Fifa e Uefa accelerano sulla tecnologia, ma sbandano sul razzismo

next