Abbiamo posto tre domande al Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, in merito alla vicenda Stato-mafia.
E speriamo proprio che dal Presidente arrivino risposte convincenti.
Lo abbiamo fatto perchè siamo convinti che nessuno debba essere considerato “più uguale di altri” cittadini. Perché, dopo il periodo berlusconiano, non vorremmo scoprire di essere passati dalla padella alla brace. E, davanti a una richiesta di chiarimento, crediamo che le risposte siano dovute. Senza nascondersi dietro riserbi istituzionali di sorta.
Noi cittadini italiani abbiamo il diritto di sapere se ci sia stata una indebita ingerenza nei confronti del lavoro dei magistrati e le risposte che Napolitano vorrà fornirci serviranno proprio a questo.

Giorgio Napolitano è il Presidente della Repubblica e ha il ruolo di difendere le istituzioni e il loro prestigio. Per questo deve rispondere a queste domande, proprio per dirimere le ombre e i dubbi, allontanando non da sè, ma dal suo ruolo, i sospetti di vicende poco chiare.

Ecco quindi le tre domande:

1. Il presidente Napolitano era o non era al corrente dei tentativi messi in atto dall’ex presidente del Senato Nicola Mancino per evitare un confronto diretto con gli ex ministri Scotti e Martelli in merito alla presunta trattativa Stato-mafia del 1992 e dalle conseguenti pressioni che dal Quirinale venivano esercitate su sua esplicita richiesta?

2. Il Presidente della Repubblica era a conoscenza della lettera indirizzata al Procuratore generale della Cassazione e firmata dal segretario generale del Quirinale Donato Marra per chiedere di adottare “iniziative che assicurino la conformità di indirizzo delle Procure”, e cosa significava questa formula nel caso in questione?

3. Il presidente della Repubblica è mai intervenuto personalmente con il procuratore nazionale antimafia per discutere il caso Mancino, e in caso affermativo con quale finalità?

Attendiamo, fiduciosi, una risposta.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Arresto Lusi, Pdl spaccato sul voto segreto. Le manovre dei “salvati”

next
Articolo Successivo

La top 10 degli aforismi del governo Monti

next