Il dibattito sulla necessità di pensare una sorta di “cittadinanza letteraria” per gli scrittori provenienti da altri paesi ma nati alla scrittura nella nostra lingua – iniziato sulle pagine culturali del “Fatto Quotidiano” – approda al Festival della Letteratura di Milano

Scrittori italiani d’altrove: verso una nuova cittadinanza letteraria 

Perché è così difficile pensare un simbolico ius soli linguistico per chi, originario di altri paesi, abbia avuto nascita alla scrittura nella nostra lingua? La richiesta di un sempre maggior numero di scrittori italiani – benché nati in altri paesi, o addirittura nati in Italia da genitori immigrati – di essere considerati per il valore della propria opera, fuori dai recinti (o dai ghetti) della letteratura migrante, apre molti interrogativi: cosa è, oggi, la letteratura italiana, intessuta di sonorità e immagini di molti “altrove”? e perché è così difficile, per il mondo editoriale e della cultura nel suo complesso, rinunciare a una sorta di sguardo antropologico su quello che continua a essere visto come un “fenomeno”?

Ci si occupa di letteratura dell’immigrazione, ma “il vero problema è la letteratura italiana” sostiene Bijan Zarmandili, “che non è in grado di riflettere sulla propria natura dialettica, di individuare i soggetti emergenti e le sue nuove contraddizioni, così da capire che non esistono scrittori migranti ma semplicemente nuovi scrittori italiani che – per provenienza, sensibilità e stile – potrebbero rinnovare i vecchi schemi del romanzo e della letteratura nel suo complesso”.

A cura di Daniela Padoan

Saranno presenti:

Maurizio Cucchi, poeta e critico letterario
gli scrittori Bijan ZarmandiliMilton Fernàndez e Igiaba Scego
Raffaele Taddeo, del comitato editoriale “El-Ghibli”
coordina Ferruccio Capelli, direttore della Casa della Cultura di Milano

giovedì 7 giugno, ore 18

CASA DELLA CULTURA – Via Borgogna 3, Milano – MM S. Babila

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Raiz torna a “Casa” con i Radicanto

next
Articolo Successivo

Ray Bradbury morto a Los Angeles a 91 anni. Addio all’autore di Fahrenheit 451

next