Ci sono quelle che io chiamo genericamente “belle persone”.

Julia “Butterfly” Hill è una di quelle. Visse 738 giorni su una grande sequoia millenaria nel nord della California per impedirne l’abbattimento. Visse 738 giorni su una piattaforma di un metro per due a più di 50 metri di altezza. Visse 738 giorni, con tutti i tipi di tempo, dal sole alla pioggia, al vento, alla neve. La sua forza di volontà era più grande delle intemperie ed era più forte delle minacce che subiva da parte della compagnia che voleva procedere al taglio.

Julia e Luna (il nome della sequoia) diventarono un tutt’uno. Julia si modificò persino nelle mani e nei piedi a forza di arrampicarsi sulla creatura che tanto amava.

Julia scese solo il 18 dicembre 1999, dopo che la compagnia si impegnò non solo a non tagliare Luna, ma neanche le altre sequoie nel raggio di circa 60 metri. Era salita il 10 dicembre 1997.

Julia mi ricorda il movimento Chipko in India, in cui (anche qui) proprio le donne abbracciavano gli alberi perché non venissero abbattuti.

La Terra è madre e sono spesso le donne a difenderla con più determinazione.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

“pRIOrità futuro”, al via il Vertice Mondiale sulla Sostenibilità

next
Articolo Successivo

Il consumo critico alla portata di tutti

next