Nicola Zingaretti piacerà o no alle truppe cammellate del Pd, ma su un argomento c’ha sempre messo la faccia: la questione omosessuale. Da anni fa si impegna pubblicamente su temi cari alla comunità LGBT, e da quando è presidente della Provincia di Roma ha lanciato molte iniziative a favore della comunità omosessuale.

L’ultima si chiama Voice Out, un progetto europeo contro l’omofobia che coinvolge le scuole di quattro nazioni: Italia, Olanda, Belgio ed Estonia. Si tratta di un edu-game con cui gli studenti presentano una proposta di comunicazione per combattere le discriminazioni verso persone lesbiche, gay e trans. Tre scuole romane sono coinvolte nell’iniziativa (Giordano Bruno, Socrate e Vivona), e hanno realizzato un prodotto multimediale per presentare la loro campagna anti-omofobia. Un progetto importante, di respiro continentale, che premierà la scuola migliore con un viaggio a Bruxelles, dove potrà presentare la propria proposta contro le discriminazioni.

Educare le nuove generazioni al rispetto per le differenze è fondamentale, tanto più a Roma, città per nulla “europea” per quel che riguarda l’apertura nei confronti della comunità LGBT. Non è mai troppo tardi per diventare civili. Roma ci sta provando.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

La Chiesa vuole bene ai divorziati?

next
Articolo Successivo

Cibo spazzatura? No, grazie

next