A Casale Monferrato dall’ inizio dell’anno sono morte 35 persone a causa dell’amianto. La Eternit è rimasta in produzione fino al 1986, le malattie legate all’amianto hanno un periodo d’incubazione di circa 30 anni. “Adesso stanno morendo – spiega Bruno Pesce, coordinatore del comitato ‘Vertenza Amianto’ – i ragazzi e i bambini di quel periodo”. L’amianto è causa di mesotelioma (più di 1400 vittime in Italia nel 2011), asbestosi e carcinoma polmonare. La somma dei morti di queste tre palogie supera le 3mila persone all’anno in Italia. Per Nicola Ponderano “sono dati sottostimati del 30-40%, circa dieci persone al giorno” di Cosimo Caridi

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Vendita di Sea? Sindacati milanesi: “Sciopero aeroporti il 22 giugno”

next
Articolo Successivo

Torri Gemelle, il Mattino di Napoli: “La camorra sapeva degli attentati”

next