C’è una storia  in questi giorni che spiega bene come i soldi pubblici ci sarebbero se non finissero sempre nelle tasche di qualcuno: soldi pubblici, tasche private. I protagonisti sono tre vecchi amici: Roberto Formigoni, da 17 anni governatore della Lombardia, Pierangelo Daccò, consulente di cliniche private convenzionate con le regioni, e Antonio Simone, ex assessore regionale della Dc nella prima repubblica e oggi anche lui consulente privato insieme a Daccò.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Pdl e Lega affossano in Commissione la norma contro gli incarichi ai “trombati”

prev
Articolo Successivo

Forlanini in crisi, ma la Regione Lazio non risponde

next