Secondo i giudici la riunione dei deputati e senatori del Pdl è un impegno istituzionale e pertanto l’udienza del processo Ruby prevista per oggi è rinviata a causa degli impegni parlamentari di Silvio Berlusconi. Il tribunale di Milano ha accolto la richiesta presentata dai legali dell’ex premier per legittimo impedimento dell’imputato a cui si era opposto il pm Antonio Sangermano. Il processo è stato quindi aggiornato all’8 giugno.

Video – Ruby, udienza saltata: B. non risponde

Il legittimo impedimento non vale, invece, per i suoi difensori, gli avvocati e onorevoli del Pdl Niccolò Ghedini e Piero Longo. Per il tribunale i due, nella loro richiesta, non hanno adeguatemente esposto tutti i quesiti per i quali i loro sostituti non potevano essere presenti oggi in aula, nè hanno specificato il perchè non si sono avvalsi di qualcuno tra i numerosi colleghi di studio. 

“Leggiamo su alcuni quotidiani che la riunione odierna dei gruppi parlamentari Pdl sarebbe stata fissata per consentire il rinvio dell’udienza del processo cosiddetto ‘Ruby’ in corso a Milano. L’ipotesi è palesemente risibile”, hanno dichiarato in una nota prima della decisione dei giudici i due avvocati del Cavaliere, che ricordano: “Dall’inizio dell’anno si sono celebrate a Milano nei confronti di Silvio Berlusconi oltre 50 udienze nei vari processi e 13 in quello Ruby”. Per i due avvocati si trattava “di un numero straordinario che non ha precedenti, e che ben fa comprendere la situazione. Nessun impedimento è mai stato addotto da Berlusconi, mentre in alcuni casi quali difensori si è concordato uno spostamento di data per impegni non rinviabili con recupero dell’udienza in data subito successiva”. Ghedini e Longo avevano puntualizzato che “in pratica, tolti i festivi, si è tenuta un’udienza ogni due giorni” e che “neppure con imputati detenuti si è mai visto ritmo simile”. 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

B.COME BASTA!

di Marco Travaglio 14€ Acquista
Articolo Precedente

Dell’Utri, nuovo processo per concorso esterno al via il 18 luglio

next
Articolo Successivo

Il vice di Formigoni in fuga dal processo per percosse alla moglie

next