La competenza delle donne, la loro energia, la loro passione, è un giacimento quasi del tutto inesplorato, a cui attingere speranza e novità, in questi tempi ripetitivi e tristi.

Marco Doria, eletto sindaco di Genova con il 59,71% dei voti, dopo aver trionfato alle primarie, l’ha capito e ha composto una giunta che, nonostante la perversa ostinazione dei media, non chiamerò “rosa”, bensì “finalmente democratica”. Una giunta equilibrata, dove i due generi di cui si compone l’umanità sono rappresentati equamente. Paola, Carla, Valeria, Annamaria, Elena e Isabella non sono una “valanga rosa”, sono sei professioniste generose che, rinunciando ciascuna al suo lavoro, si sono messe a disposizione del bene comune: gestire una città, migliorare la vita delle cittadine e dei cittadini.

Doria l’aveva promessa in campagna elettorale, una giunta finalmente democratica e poi l’ha fatta veramente (in un Paese normale sarebbe ovvio, da noi stupisce): è un matto? è un santo? ha la moglie in “Se non ora quando”? È, più che altro, un uomo intelligente: ha capito che non si può continuare a lasciare in panchina le facce più nuove, le mani più pulite. E soltanto perché non portano i pantaloni. O almeno non sempre.
Il Fatto Quotidiano, 1 Giugno 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Don Alessandro, il cacciatore di anime

next
Articolo Successivo

Lavoro, lo spread della discriminazione

next