”Non siamo d’accordo sui provvedimenti che il Parlamento sta prendendo. Non siamo disponibili ad accettare la modifica dell’articolo 18 e metteremo in campo tutte le iniziative affinchè, questo diritto e cioè la tutela contro i licenziamenti ingiusti, venga esteso anche a quelli che non lo hanno”.

Così il segretario della Fiom-Cgil Maurizio Landini oggi a Firenze in occasione dell’assemblea per celebrare lo Statuto dei lavoratori varato il 20 maggio del 1970 che ilfattoquotidiano.it sta trasmettendo in streaming. “Anche se il parlamento dovesse approvare questo provvedimento – ha proseguito Landini – non abbiamo intenzione di fermarci e andremo avanti nella difesa dell’art.18”.

 


Nel 1970 è stato approvato il codice a difesa del diritto del lavoro e la Fiom-Cgil ha deciso di ricordare questa data con un’assemblea-evento. Occhi puntati anche sull’attualità con il secco no del sindacato dei metalmeccanici alla riforma del governo. “La discussione in corso in Parlamento non è accettabile perché non riduce la precarietà, non c’e’ estensione degli ammortizzatori sociali”, dice il segretario generale Landini.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La mania del complotto che non ci fa andare avanti

prev
Articolo Successivo

Sequestro Bergamo, l’ostaggio: “Deluso dal Codacons”. Che gli offre l’avvocato

next