Arriva oggi a Milano  “Avon Running, la corsa delle donne, per l’ultima tappa dopo Bari, Firenze e Genova.

La corsa benefica organizzata da Avon è aperta alle donne di ogni età e capacità e comprende due gare: una competitiva, su un circuito di 10 chilometri, e una non competitiva, da 5 chilometri, che si può fare anche camminando. La partecipazione costa 10 euro per le adulte e 7 euro per le under 18 e il ricavato è interamente destinato alla Fondazione Ieo (Istituto europeo di oncologia). In ognuna delle tappe vengono raccolti fondi per uno scopo benefico: a Bari le donne hanno corso per la sezione provinciale di Lilt, la Lega italiana per la lotta contro i tumori, e per Safiya, centro antiviolenza e di promozione sociale e culturale delle donne di Polignano a Mare. A Genova sempre per Lilt, a Firenze per il centro antiviolenza Artemisia.

La gara di Milano è la finale nazionale: alla sfida partecipano le vincitrici delle altre città. Alla fine verrà premiata la vincitrice assoluta della gara da 10 km. La prima corsa è partita nel 1998 e hanno partecipato 800 donne. L’anno scorso erano 10.300.

Madrina tecnica della manifestazione è l’ex maratoneta Laura Fogli. «Sono felice di avere un ruolo come questo in una manifestazione che è alla quindicesima edizione e a cui ogni anno partecipa un numero maggiore di donne. Gli introiti sono destinati ad associazioni che si occupano di problematiche femminili – dice – E mi piace poter dare consigli utili a chi si avvicina alla corsa ma non sa da dove cominciare. Lo sport aiuta a stare in forma e a prevenire tanti problemi». Sul sito di Avon Running c’è la sezione “Chiedetelo a Laura”, che mette in contatto gli utenti con la madrina per consigli, dubbi e curiosità che riguardano la corsa, per arrivare in forma all’appuntamento col benessere e la solidarietà.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

“I am the mother”, il canto che perdona (e fa tornare a casa) i bambini soldato

prev
Articolo Successivo

Stop al seno rifatto per le minorenni. Previste multe fino a 20mila euro

next