Nei giorni scorsi, dopo l’attentato al manager dell’Ansaldo Nucleare, Roberto Adinolfi, abbiamo assistito al ritorno di situazioni che avremmo sperato non dovessero più ripetersi: sigle eversive, rivendicazioni, minacce a magistrati. Il ministro dell’Interno Anna Maria Cancellieri parla di scorte rinforzate, aumento delle risorse di intelligence e scorte militari a una serie di obiettivi sensibili. E questo va bene, per quanto non sia tutto.

Il terrorismo va respinto, quando si manifesta anche solo come potenziale pericolo. Ma l’ottica repressiva sarebbe zoppa se si limitasse a questo. Da anni si avverte infatti una gravissima mancanza in questo Paese: la nascita e la messa in funzione di una Procura Nazionale Antiterrorismo che operi, sul modello di strutture antimafia come Dna e Dia, e che svolga alcuni compiti fondamentali.

Tra questi tenere memoria investigativa di tutte le indagini e di tutti i processi di terrorismo. Solo attraverso un’analisi di magistrati e investigatori specializzati nel settore è possibile non solo reprimere, ma prevenire fenomeni eversivi. È possibile inoltre avere un coordinamento centrale e sempre allerta con le procure ordinarie indicando piste investigative, accertamenti specifici e anche escludendo eventuali depistaggi che, approfittando del tempo trascorso, possono essere rimessi in circolazione.

Ci sarebbe un altro compito altrettanto fondamentale da demandare alla Procura Nazionale Antiterrorismo: quello di coordinarsi con gli organi nazionali dell’Antimafia e con le loro articolazioni perché rapporti di collaborazione tra criminalità organizzata e gruppi eversivi sono emersi più volte in passato, fin dal 1970, con il tentato golpe Borghese. Ed è ciò su cui sta indagando la procura di Napoli a proposito della strage del Rapido 904 del 23 dicembre 1984, la strage di Natale.

Dunque ci poniamo una domanda: perché non si è mai fatto in modo che la Procura Nazionale Antiterrorismo esistesse in Italia come in altri Paesi, come la Germania? Se la mafia è un fenomeno criminale che affonda le sue radici nella storia italiana, lo è anche il terrorismo e con una struttura dedicata solo a essa si può pretendere di arrivare a risultati concreti.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Saviano chiede oltre 4milioni di euro al Corriere del Mezzogiorno

next
Articolo Successivo

Lo sdegno non è una cerimonia

next