Venere di Milo, Alexandro di Antiochia, 130-100 B.C.

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 Sarah Lucas, Get Hold of This, 1994

 

Con questa impostazione cerchiamo di raccontare, privilegiando l’immediatezza delle immagini, il rapporto tra io e noi, tra le cose e il loro universo di riferimento. Le persone e le cose nascono da altre persone e da altre cose.

Cercare le connessioni, spesso non progettate o non dichiarate, serve a facilitare un approccio alla conoscenza inclusivo e trasversale. La storia non si svolge per comparti, tutto è contemporaneamente causa ed effetto. Nella libera comparazione dei riferimenti si giocano nuovi orizzonti interpretativi.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cinema: nasce “Tribeca” Firenze, il festival di Robert De Niro sbarca in Toscana

next
Articolo Successivo

Che filosofia sarebbe senza contemporaneità?

next