Venere di Milo, Alexandro di Antiochia, 130-100 B.C.

 

  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  

 

 

 Sarah Lucas, Get Hold of This, 1994

 

Con questa impostazione cerchiamo di raccontare, privilegiando l’immediatezza delle immagini, il rapporto tra io e noi, tra le cose e il loro universo di riferimento. Le persone e le cose nascono da altre persone e da altre cose.

Cercare le connessioni, spesso non progettate o non dichiarate, serve a facilitare un approccio alla conoscenza inclusivo e trasversale. La storia non si svolge per comparti, tutto è contemporaneamente causa ed effetto. Nella libera comparazione dei riferimenti si giocano nuovi orizzonti interpretativi.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Cinema: nasce “Tribeca” Firenze, il festival di Robert De Niro sbarca in Toscana

prev
Articolo Successivo

Che filosofia sarebbe senza contemporaneità?

next