I rapitori dell’italiana Rossella Urru hanno chiesto 30 milioni di euro di riscatto per la sua liberazione. Lo ha annunciato la tv satellitare ‘al-Arabiya‘, citando un’esclusiva dell’agenzia France Press.

I rapitori, il gruppo ‘Monoteismo e Jihad in Africa occidentale’, avevano in precedenza chiesto 15 milioni di euro per la liberazione dei sette diplomatici algerini rapiti a Gao a inizio aprile. La tv araba parla di un riscatto “per l’italiana e la spagnola in mano ai rapitori” e si ritiene che si riferisca alla nostra connazionale e alla collega rapite il 23 ottobre nel sud dell’Algeria. Non si hanno notizie invece sull’altro spagnolo sequestrato con loro. Il portavoce, Adnan Abu Walid Sahraui, precisa che il suo movimento esige “un riscatto di 30 milioni”, chiedendo inoltre al governo di Madrid “di intervenire per la liberazione di due sahrawi arrestati dalla Mauritania”.

La Urru che era stata sequestrata nel campo profughi saharawi di Hassi Rabuni insieme ai due cooperanti Ainhoa Fernandez de Rincon ed Enric Gonyalons. I rapitori avevano fatto irruzione nelle loro stanze e li avevano portati via. Uno di loro aveva tentato di opporsi e gli aggressori gli avevano sparato a un piede. 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Napoli: la lotta tra Stato e anti-Stato

next
Articolo Successivo

Mostro di Firenze, morto Calamandrei. Assolto nel 2008 da tutte le accuse

next