Incidenti al termine della Conferenza regionale della scuola davanti al teatro Nuovo di Torino, a cui avevano partecipato i ministri del Lavoro Elsa Fornero e dell’Istruzione Francesco Profumo. Uova, fumogeni e secondo alcune testimonianze qualche pietra sono stati lanciati da un gruppo di manifestanti, in prevalenza studenti e giovani dei centri sociali. Il gruppo si trovava davanti al teatro, ma dopo un primo lancio di uova contro le automobili ministeriali è stato fatto indietreggiare dalle forze dell’ordine e si è diretto nelle vie vicine, dando il via a nuovi incidenti.

Durante il percorso i manifestanti hanno anche formato barricate con i cassonetti dei rifiuti e le forze dell’ordine che sono intervenute con cariche di alleggerimento. Le tensioni si sono concluse dopo un breve inseguimento. A contestare i ministri fuori dal Teatro Nuovo c’erano anche militanti di Cobas e Usb, che hanno contestato Profumo e Fornero al grido di “vergogna, vergogna”.

Il ministro Fornero ha auspicato una rapida approvazione della riforma del lavoro in Parlamento, in più ha fatto un appello affinché ci siano “meno proteste e più spirito costruttivo”. Sul fronte dello sviluppo, ha aggiunto, “dobbiamo fare un esercizio di umiltà e di recupero di pazienza e di valori. Servono investimenti che richiedono risparmio e risparmio significa rinvio dei consumi da oggi a domani”. Fornero ha anche esortato le famiglie italiane a investire di più sull’istruzione dei figli, anche a costo di rinunciare all’acquisto della casa. ”Spesso farsi una casa è considerata una priorità rispetto a dare un adeguato capitale umano ai figli”, ha affermato, e “in molti casi si spingono i figli a trovarsi un lavoro per contribuire all’acquisto della casa”.Un tetto di proprietà sopra la testa “è certamente un valore importante”, ha concluso”, “ma bisogna anche considerare le priorità. Le case si possono lasciare ai figli ma conta di più una struttura di conoscenza e flessibilità mentale, un’adattabilità al cambiamento che solo la formazione può dare”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Sanità in Lombardia: “Ai privati 176 milioni in 3 anni, 84 finiti a S. Raffaele e Maugeri”

prev
Articolo Successivo

Piermario Morosini, una settimana dopo

next