“Se mettiamo dentro uno dei nostri, è come avere un terminale in comune. Saprete cosa succede, con quali società si entra in affari”. Sono le parole di Beppe Grillo, che riassumono lo spirito con il quale il Movimento 5 Stelle si presenta alle amministrative in tutta Italia. Lo stesso che anima la quindicina di militanti del Movimento Cinque Stelle che hanno deciso di presentarsi a Legnano, città da 60mila abitanti in provincia di Milano, roccaforte leghista e governata dal centro-destra per 20 anni. Il candidato sindaco, Daniele Berti, è stato scelto attraverso le primarie su Facebook, strumento privilegiato così come gli altri social network dal movimento. “Sono stato assimilato a un leghista e a un fascista per avere detto che i Rom non vogliono integrarsi,”, spiega Berti, ma “nessuno degli altri candidati sindaci ha affrontato la questione”  di Francesca Martelli

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ferrara: “Sono pure pochi i soldi ai partiti’

prev
Articolo Successivo

Governo ammazza blog
o incompetente?

next