Per essere sicuri di non essere intercettati, Stefano Bonet (il consulente finanziario della Lega Nord) e Lubiana Restiani (la segretaria alla Camera del gruppo) hanno utilizzato per comunicare, nei giorni in cui sui giornali si incominciava a parlare del giro di investimenti all’estero, schede telefoniche nazionali e internazionali intestate a extra-comunitari del tutto inconsapevoli di fare da “filtro” per gli investigatori.

La notizia viene riportata dalle informative della direzione investigativa (Dia) Antimafia di Reggio Calabria e pubblicata oggi su La Stampa: “Il gruppo sottoposto alle investigazioni, attraverso l’acquisto di utenze telefoniche intestate a ignari cittadini stranieri e caselle di posta elettronica attive su domini internazionali, si è creato una rete di comunicazione clandestina, per potere comunicare come da loro esplicitamente affermato, in modo sicuro e riservato”.

L’artefice di questa iniziativa è lo stesso Bonet, che come si legge nella nota della Dia, ha dotato la Restaini (la segretaria molto vicina a Roberto Maroni) di due utenze intestate rispettivamente a un cittadino senegalese e a un’altro del Bangladesh.

Il primo contatto è avvenuto il 17 febbraio quando Francesco Belsito ha chiamato dal cellulare (intestato a Mattia Camurati) la Restaini sul telefono di Md Zalal Uddin, l’ignaro bengalese. Nella telefonata sono volate anche parole grosse, legate alle vicende dei capitali all’estero. A un certo punto della conversazione, la segretaria ha passato il telefono a Roberto Castelli che continuava a parlare con Belsito. E lo faceva da persona molto ben informata sulle ‘vicende africane’ di Belsito.

Intanto la procura di Milano sta cercando i lingotti o i diamanti che l’ex tesoriere della Lega Francesco Belsito, avrebbe acquistato per conto del Carroccio l’anno scorso. Da quanto si è saputo, gli inquirenti hanno intenzione di accertare se esistono cassette di sicurezza intestate alla Lega o allo stesso Belsito dove possono essere custoditi i cinque chili in lingotti d’oro che sarebbero stati comprati dalla società “8853” di Pero (Milano) o i diamanti acquistati dalla “intermarket diamond business” per un importo di circa 100 mila euro, come è emerso dalla documentazione acquisita nei giorni scorsi presso la Banca Aletti.

Le indagini, coordinate dal procuratore aggiunto Alfredo Robledo a dai pm Roberto Pellicano e Paolo Filippini, hanno finora accertato che nel dicembre 2011 i lingotti sono stati comprati con assegni circolari del Carroccio e consegnati al partito.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Niente contributi a dipendente: condannata senatrice leghista Maraventano

next
Articolo Successivo

Poggiolini deve 5 milioni di euro allo Stato. Intanto la villa dei lingotti d’oro è in malora

next