Tanti anni fa, volendo stupire amici giapponesi, che a casa loro fanno del cibo della loro tradizione una sorta di bellissima mania, tipo quella dei calabresi quando si parla dei manufatti alimentari delle loro donne, scoprii così con una densa salsa quanto i nipponici adorano le nostre acciughe e come noi le utiliziamo.
Fu come tirare un calcio di rigore e vincere subito la partita dell’amicizia con costoro.

Padella larga e bassa con abbondante olio, dove mettere delle fettine di buon aglio ad indorare per poi mettere una bella dose di peperoncino macinato con dei filetti di acciughe facendoli dissolvere nel potente intingolo. Solo a quel punto, incorporare un chilo di broccoli precedentemente scottati al dente per finire di stufarli amalgamandoli anche con due patate. Dopo la breve stufatura, freddate il tutto frullando con un buon frullatore ad immersione insieme a ricotta e olio a crudo. Quello che risulterà sarà una salsa densa che potrete mangiare come un purè ma anche utilizzarla, riscaldandola con attenzione, per condirci della pasta. Va da se che se siete pugliesi le vostre orecchiette arricchiscono ulteriormente questa semplice idea.
Un chilo di broccoli
Due etti di patate
Due etti di ricotta
Due belle acciughe sotto sale
Quattro spicchi d’aglio affettati
Due etti di olio fra soffritto e crudo
Peperoncino a piacimento
Sale q.b.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Vincere il campionato
del mondo

prev
Articolo Successivo

La moltiplicazione degli spaghetti

next