Grazie a questo blog e alle vostre risposte, sulla vicenda dei lavoratori incentivati all’esodo – che abbiamo raccolto a decine su queste pagine e sull’edizione cartacea – abbiamo contribuito ad attirare l’attenzione, grazie anche all’importante contributo di Report. Ora vogliamo spostare leggermente il tiro e invitarvi a raccontare le vostre storie relative ai contributi silenti. Sono tantissimi ma l’Inps non li quantifica o per lo meno si rifiuta di farlo. Parliamo di quelle posizioni iscritte all’Inps che hanno versato contributi senza raggiungere i requisiti minimi previsti dalla legge per andare in pensione. Per la pensione di vecchiaia, infatti, legata all’età anagrafica (66 e 67 anni con la riforma Fornero) servono almeno 20 anni di contributi versati nella medesima cassa previdenziale (all’Inps, all’Inpdap, all’Inpgi, etc.).

Il problema dei contributi silenti si pone quando un contribuente non raggiunge quel requisito dando origine a quella che sindacati ed esperti previdenziali definiscono senza giri di parole una truffa. Mettiamo il caso, infatti, di chi abbia potuto versare contributi solo per 18 o 19 anni: senza raggiungere il requisito minimo di 20, quegli anni non daranno vita ad alcuna pensione. In realtà, si tratta di un caso limite perché essendo molto ridotto il margine di differenza è possibile colmare il vuoto ricorrendo alla contribuzione volontaria cui si può accedere con un minimo di 5 anni di contribuzione versata. Questa si calcola sulla base dell’ultima retribuzione percepita e quindi sale in relazione a quella. Stiamo comunque parlando di cifre consistenti: su uno stipendio di 1300 euro si versa fino a 8000 euro all’anno. Se gli anni da colmare, quindi, ammontano – come nella maggior parte dei casi – a 7, 9 o anche di più si pagano cifre impossibili.

L’alternativa è lasciare alle casse dell’Istituto anni e anni di contribuzione senza poterne usufruire. E assistendo impotenti all’utilizzo di quelle risorse per altri scopi. La nuova norma sulle ricongiunzioni onerose rischia di alimentare queste posizioni sulle quali il presidente Inps, Antonio Mastrapasqua, si è finora riufiutato di fornire dati esatti. Tanto che il deputato radicale, Maurizio Turco, sta preparando una legge per istituire una Commissione di inchiesta ad hoc.

A voi la parola.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, Angeletti: “Fornero da licenziare per giusta causa”. Ddl pronto domani

next
Articolo Successivo

Conflitto fra classi o
fra generazioni?

next