L'ex dittatore libico Muammar Gheddafi

Azioni di Unicredit, Finmeccanica e della Juventus, ma anche terreni, moto, appartamenti e diversi conti correnti. Tutto per un valore complessivo che supera il miliardo di euro. Sono i beni sequestrati oggi dalla Guardia di finanza e tutti riconducibili all’ex rais libico Gheddafi. Il sequestro è stato emesso dalla Corte d’Appello di Roma su rogatoria della Corte di Giustizia dell’Aia, che oltre al mandato di cattura internazionale per il leader libico e gli altri due soggetti, aveva emesso una richiesta di individuazione dei beni a loro riconducibili. Quanto sequestrato dal Nucleo di polizia tributaria di Roma della Gdf era già stato ‘congelato’ in seguito a 2 risoluzioni dell’Onu (febbraio-marzo 2011) e al regolamento dell’Ue, che dava attuazione ai provvedimenti delle Nazioni Unite.

Per ricostruire i beni riconducibili a Gheddafi, i finanzieri hanno svolto accertamenti tramite le proprie banche dati ma anche attraverso il ministero dell’Economia e la Banca d’Italia. Una volta conclusi gli accertamenti, il consigliere della Corte d’Appello, Domenico Massimo Miceli, ha firmato il provvedimento di sequestro. Visto il coinvolgimento di società quotate in borsa, la Consob è stata informata dell’attività in corso.

Un’attività che ha portato al sequestro dell’1,256 per cento di Unicredit (pari ad un valore di 611 milioni di euro), il 2 per cento di Finmeccanica e l’  1,5 per cento della Juventus. Non solo. L’ex Rais deteneva anche lo 0,58 per cento di Eni, pari a 410 milioni, e lo 0,33 per cento di alcune società del gruppo Fiat, come Fiat Spa e Fiat Industrial, pure sequestrate. Oltre alle quote azionarie, le Fiamme Gialle hanno apposto i sigilli anche a 150 ettari di terreno nell’isola di Pantelleria, due moto (una Harley Davidson e una Yamaha) e un appartamento in via Sardegna, a Roma. Diversi anche i conti correnti posti sotto sequestro: il deposito più consistente, 650mila euro in titoli, è quello presso la filiale di Roma della Ubae Bank, una joint venture italo-libica.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Bosusco, l’ostaggio dei maoisti dell’Orissa: “Sto bene, amo l’India e voglio restare qui”

prev
Articolo Successivo

Usava l’auto blu a fini privati, indagato per peculato il presidente dell’Adisu di Napoli

next