Una questione di soldi. Quando i responsabili della Fabbrica del Programma di Romano Prodi Giulio Santagata e Angelo Rovati denunciarono pubblicamente al Corriere della Sera la taccagneria dei tesorieri di Ds e Dl, Ugo Sposetti e Luigi Lusi, era il novembre del 2005. All’epoca i partiti dell’Ulivo avevano ricevuto, solo per i rimborsi elettorali di europee e regionali la cifra record di 132 milioni di euro: di questi soldi, a Prodi e all’Ulivo erano stati versati pochi spiccioli. Vale a dire un paio di milioni (1.450.000 euro a Prodi e 600mila alla fondazione “Governareper”). Servirono per pagare il tir giallo con cui il Professore girava per l’Italia, l’ufficio di Santi Apostoli, i 19 comizi fatti durante le regionali, la gestione della Fabbrica, gli stipendi dello staff. Tra questi investimenti, seguendo il principio della proporzionalità, i soldi versati dalla Margherita, si assottigliano ulteriormente.

Quattro anni dopo, quando i Dl già erano un partito congelato, vale a dire un’organizzazione politica che non si presentava alle elezioni, nel bilancio 2009 denunciò un introito dal finanziamento pubblico dei partiti di poco più di 16 milioni, e un investimento per i candidati Pd impegnati nella campagna elettorale per le europee di 6,9 milioni, vale a dire oltre tre volte quello che l’intero Ulivo versò a Prodi per concorrere alle elezioni politiche. L’anno seguente, il 2010, Arturo Parisi accusò di “opacità” alcune voci del bilancio dei Dl: tra queste quella relativa a 4 milioni di euro che il tesoriere Lusi affermò essere servite come contributo alle primarie di Dario Franceschini (l’ex segretario Pd smentirà questa ricostruzione).

Come che sia è certo singolare che un partito investa più soldi per concorrere in competizioni minori, piuttosto che per provare a puntare al governo del Paese. Dl e Ds, del resto, non furono generosi nemmeno con il Pd, il partito nel quale buona parte del suo personale politico ha continuato a lavorare. Il tesoriere Ds Ugo Sposetti rinfacciò a Veltroni l’investimento di 4 milioni di euro che Ds (per 2,5 milioni) e Dl (per 1,5) fecero per il “cantiere Pd”. Sono cifre ancora basse rispetto a quelle che la Margherita dichiara di aver speso per le proprie campagne elettorali negli anni 2009 e 2010.

I partiti, all’epoca, sembravano assai più attenti a come spendere i propri soldi. Certo, facessero maggiore chiarezza sui propri bilanci, gioverebbe a tutti.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Chi paga il conto della sfiducia nella politica?

next
Articolo Successivo

Alfano sa chi è Marcellino?

next