“Se ognuno dichiara il dovuto, il fisco potrà essere più leggero per tutti. E’ un impegno ineludibile”. Il premier e ministro dell’Economia Mario Monti diffonde una nota per annunciare la strategia anti-evasione del governo: “Il recupero – spiega Monti – deve diventare uno strumento per migliorare l’efficienza del sistema economico in un quadro più equo. Dobbiamo continuare con rinnovata forza, perché se ognuno dichiara il dovuto, il fisco potrà essere più leggero per tutti. E’ un impegno ineludibile. Nel 2011  grazie all’operato dell’Agenzia delle entrate e della Guardia di finanza sono stati recuperati 12 miliardi di euro. Ma si può e si deve fare di più”.

Durante la riunione della “task force anti-evasione”, cioè di tutti i vertici dell’amministrazione finanziaria nazionale,  si è posto accento sull’atto di indirizzo che ridisegna la strategia operativa degli interventi da attuare nella politica fiscale del prossimo triennio. Quattro le aree prioritarie: innanzitutto il consolidamento del percorso del risanamento finanziario (ad esempio supportando la ricognizione del patrimonio immobiliare delle pubbliche amministrazioni). Poi la necessità di continuare a operare secondo la logica di utilizzo prudente della leva fiscale, per ristabilire condizioni di crescita più robuste nel medio-lungo termine e contribuire al rilancio della produttività e della crescita economica. E ancora: completare l’attuazione della legge delega in materia di federalismo fiscale e rafforzare ulteriormente la lotta all’evasione e all’elusione fiscale e al gioco illecito. Infine l’obiettivo di migliorare il livello di trasparenza fiscale e lo scambio di informazioni tra Stati.

Monti pone l’accento anche sull’attività di riscossione e sulla necessità di mantenere una politica rigorosa delle concessioni di giochi. Infine il premier batte sul tasto delle riforme strutturali “per contribuire a rafforzare il governo economico dell’Unione europea”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it ABBIAMO DAVVERO BISOGNO
DEL TUO AIUTO.

Per noi gli unici padroni sono i lettori.
Ma chi ci segue deve contribuire perché noi, come tutti, non lavoriamo gratis. Diventa anche tu Sostenitore. CLICCA QUI
Grazie Peter Gomez

Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

“Formigoni. Biografia non autorizzata”: da Comunione e Liberazione alle firme false

next
Articolo Successivo

“TvB”, il lato Twitter di Casini & Di Pietro

next