No, non bastava averci illuminati con l’esistenza di un immaginifico tunnel sotterraneo tra Ginevra e il Gran Sasso, dove far correre felici neutrini alla velocità della luce. Mariastella Gelmini non si è rassegnata all’idea di aver fatto la gaffe del secolo e, appena scoperto che al Cern c’è stato un errore di calcolo, ha perseverato nell’abbaglio.

“Vicenda neutrini: avevo il sospetto di aver manifestato un entusiasmo eccessivo… Ora mi consolo: non ero solo io a sbagliare”
ha cinguettato l’ex ministro su Twitter. Tradotto: un errore di calcolo su numeri infinitesimali è equivalente a credere che esista una galleria di 600 chilometri finanziata dal governo italiano. Non ci stupiremmo se con il prossimo tweet chiedesse di posizionare degli autovelox. O addirittura di chiuderla.

Il Fatto Quotidiano, 24 febbraio 2012

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Davide contro Golia: Coca-Cola chiude il blog

next
Articolo Successivo

Gli attacchi di Avvenire contro la scienza

next