Da  Autostrade per l’Italia riceviamo e pubblichiamo:

“Autostrade per l’Italia desidera precisare che la situazione dei lavori di scavo della Galleria Val di Sambro è tenuta costantemente sotto controllo grazie ad un sistema di monitoraggio verificato e testato da un collegio di tecnici costituito da professionisti indipendenti di indiscusso valore professionale che si riunisce regolarmente. I movimenti che si sono verificati, peraltro estremamente lenti e limitati, si fermano con il completamento delle attività di scavo e rivestimento della galleria.

Questo è il motivo per il quale non sussistono pericoli per le persone. Tenuto conto della ridondanza della strumentazione di monitoraggio istallata, la presenza di alcuni strumenti andati fuori uso non è pertanto in alcun modo indicativo dell’aggravarsi della situazione, né tantomeno di un imminente pericolo. La Società Autostrade ribadisce la sua massima attenzione alla sicurezza della collettività in relazione alla realizzazione di opere di elevato interesse nazionale”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Giovanardi e i baci gay, pronte le querele per Radio 24 e il Pd modenese

prev
Articolo Successivo

Cinque indagati per l’operaio ferito gravemente in galleria

next