Yvan Sagnet, studente di ingegneria a Torino

Un cassone contiene quattro quintali di pomodori e vale 3, 50 euro. In sedici ore di lavoro si possono raccogliere al massimo sette cassoni. Vuol dire che lavorando dalle quattro del mattino alle sei di sera i braccianti che raccolgono i pomodori guadagnano, nella migliore delle possibilià, 27 euro e 50. Una miseria a cui si uniscono le condizioni di lavoro: ovviamente nessun contratto; caporali provenienti dalle stesse terre che esercitano in maniera violenta e eccessiva il loro potere; sfruttamento.

L’estate scorsa qualcosa è cambiato. A Nardò, in Puglia, qualcuno ha avuto il coraggio di ribellarsi. Lo scrittore Alessandro Leogrande racconta sulle pagine di Saturno dinamiche e ragioni di quella rivolta contro un sistema che sembrava incontrastabile. Nelle stesse pagine pubblicheremo un estratto del libro a più mani Sulla pelle viva. Il primo sciopero auto-organizzato dei braccianti immigrati in Italia (DeriveApprodi, 2012). Le parole del camerunense Yvan Sagnet, studente di ingegneria a Torino durante l’inverno e bracciante d’estate, evocheranno nella memoria dei lettori quei momenti: i picchetti, i modi con cui sono stati evitati episodi di violenza, la Babele di lingue attraverso cui si sono dovuti muovere gli scioperanti, ivoriani, ghanesi, nigeriani, beinesi, togolesi…

Come ogni settimana, vi aspettano recensioni di libri ed eventi culturali, le pagine multimediali di Saturno 2.0 e le rubriche di Antonio Armano, Gianni Canova, Alessandro Bergonzoni, Giovanni Pacchiano, Marco Filoni e Camilla Tagliabue.

Infine, chi pungerà la vespa di Riccardo Chiaberge?

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Perché Sanremo è Sanremo

prev
Articolo Successivo

L’Italia degli Oscar
Chi c’è passato e chi no

next