“Ci siamo astenuti perché il decreto non è sufficiente – commenta la radicale Emma Bonino dopo la votazione favorevole del Parlamento sul Decreto Legge denominato svuota-carceri – riguardando all’incirca 3 mila detenuti su un totale di 67mila, di cui 27mila in attesa di giudizio e altre 14mila in attesa del primo grado di giudizio”. Quello che serve, secondo il vice-presidente del Senato, è una “riforma radicale”. “Bisogna assumersi la responsabilità di una amnistia legale – prosegue la Bonino – con la depenalizzazione di reati, ad esempio quello di clandestinità, da parte del Parlamento in modo tale da svuotare le scrivanie dei magistrati di milioni di piccoli reati”. “Se continuiamo a fare leggi criminogene – conclude la Bonino – semplicemente aumenteranno le persone che andranno in carcere”. di Giovannij Lucci

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Siae, i furbetti del contrassegno

prev
Articolo Successivo

Cuccioli ghermiti
e padri feriti

next