Il senatore del Pdl Riccardo Conti

L’operazione immobiliare con plusvalenza milionaria del senatore del Pdl Riccardo Conti è al centro della odierna visita delle Fiamme Gialle nella sede dell’Enpap (ente di previdenza degli psicologi), dove i militari hanno acquisito documenti relativi alla compravendita di un immobile in via della Stamperia, nel centro di Roma. I finanzieri si sono recati negli uffici di via Cesalpino su disposizione del procuratore aggiunto Alberto Caperna e dai sostituti Corrado Fasanelli ed Erminio Amelio.

Il blitz rientra nelle indagini scaturite dopo la plusvalenza di ben 18 milioni di euro realizzata dalla società ‘Estate due‘, amministrata dal senatore Pdl Riccardo Conti, che ha venduto l’edificio in questione proprio all’ente degli psicologi. L’Enpap acquistò l’immobile il 31 gennaio dello scorso anno per 44 milioni dalla ‘Estate due’ la quale, poche ore prima, lo aveva comprato per 26 milioni di euro dal Fondo Omega. Il tutto, quindi, nell’arco di appena 24 ore. Il fascicolo processuale, secondo indiscrezioni trapela in procura, è stato aperto per truffa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Milano, la Finanza scopre finto Gruppo
di acquisto solidale. “Truffava i clienti”

prev
Articolo Successivo

Penati ai pm: “Di Caterina finanziava il Pd sestese, ma non pagò tangenti”

next