Le Piazze europee, dopo aver aperto tutte con il segno più, chiudono la giornata contrastate. Ed anche lo spread tra Btp decennali e Bund tedeschi, che in mattinata aveva toccato i minimi dal mese di ottobre a quota 348 punti, è tornato a salire e si è attestato a 361 punti, con il rendimento del decennale al 5,58%. I mercati guardavano con fiducia alla conclusione delle trattative sulla ristrutturazione del debito greco, che non è arrivata nei tempi previsti.

Sono infatti ancora in corso i nuovi colloqui tra il premier greco Papademos e i leader dei tre principali partiti ellenici. Senza l’approvazione dei provvedimenti, la cosiddetta ‘troika’ composta da Bce, Ue e Fmi non potrà infatti avviare il nuovo piano di aiuti da 130 miliardi di euro, senza il quale Atene andrà in default sui 14,5 miliardi di obbligazioni in scadenza il 20 marzo. La Ue resta in attesa di segnali in vista del 13 febbraio, termine entro il quale l’Eurogruppo dovrà deliberare la nuova tranche di aiuti. Se sembra definito, almeno a grandi linee, l’accordo con i creditori privati sullo swap del debito, resta il fronte caldo delle durissime misure richieste che prevedono, tra l’altro, una riduzione del salario minimo pari al 20% e il taglio di 150 mila posti di lavoro nella pubblica amministrazione. Da Bruxelles, il collegio dei Commissari Ue ha confermato il suo “pieno e attivo sostegno” all’impegno del vicepresidente Olli Rehn e del presidente Josè Manuel Barroso per trovare una soluzione della crisi del debito in Grecia ed il presidente Jean Claude Juncker, ha convocato per domani l’Eurogruppo proprio per affrontare il tema.

Ed il prolungarsi delle trattative ha frenato l’ottimismo delle borse europee che hanno chiuso tutte intorno alla parità. Milano è maglia rosa, con il Ftse Mib che ha segnato un progresso dell’1,08% a 16.669,22 punti. Sopra la parità anche Madrid, con l’Ibex che sale dello 0,03% a 8.849,3 punti. Pressoché invariata anche Parigi, che segna -0,05% con il Cac 40 a 3.410,00 punti. Il Dax di Francoforte lima uno 0,08% a 6.748,76 punti ed il ‘footsie’ di Londra è scivolato dello 0,24% a 5.875,93 punti.

(e.b.)

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

I paradossi europei

prev
Articolo Successivo

Finiamola con le favole ecologiste e pacifiste…

next