Giusto vent’anni fa Mani Pulite (buon compleanno) rivelò il mirabile ingranaggio del Collettore di tangenti. Veniva scelto tra i più estroversi, istruito sulle percentuali e mandato a ritirare il malloppo non solo per il proprio partito, ma a nome di tutte e cinque le cupole del pentapartito. I soldi poi venivano suddivisi in tana, con calma, come fanno i piccoli carnivori del Masai Mara, anche se in locali più confortevoli, normalmente quei ristoranti che spacciavano gamberetti in salsa rosa e pennette al salmone e vodka, durante il rito altamente simbolico del masticare il cibo insieme e insieme digerirlo per propiziarsi altro cibo in contanti e buone piogge per rallentare i cantieri a venire.

Con l’astro nascente del senatore Luigi Lusi, il mutuo soccorso fra i partiti segnala una nuova specie di banchetto imbandito con i soldi assai più sicuri e croccanti del “Rimborso elettorale”. Rischia uno solo, l’amministratore, che si incarica di portarli all’estero, scudarli quando serve, investirli, distribuirli in campagna elettorale e, se scoperto: pentirsi, piagnucolare, patteggiare. Agli altri della cupola basterà fare i finti tonti, addirittura gli indignati, per digerire in pace.

Il Fatto Quotidiano, 4 febbraio 2012

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Regione Campania, i consiglieri ‘salvano’
il loro stipendio dai tagli del governo Monti

prev
Articolo Successivo

Lega, Bossi boccia la lista Tosi a Verona
Il sindaco: “Problema sono tensioni interne”

next