In provincia di Frosinone il peso della neve ha provocato il cedimento del tendone del centro congressi “Palafiuggi”, mentre a Torino resteranno chiusi per una settimana i reparti non di emergenza dell’ospedale Le Molinette. Non solo. Il traffico è bloccato sulla E45 nel tratto cesenate. E non va meglio alle ferrovie, completamente bloccate in Liguria. Sono questi i disagi più gravi provocati dall’ondata di gelo e neve che ha colpito il Centro-Nord. “La perturbazione che ha portato il freddo polare sull’Italia potrebbe durare anche un decina di giorni”, dice Massimiliano Pasqui, dell’Istituto di Biometeorologia del Cnr. Oggi neve e gelo si sposteranno verso il Sud Italia. Ecco un elenco di disagi e difficoltà regione per regione.

Lazio – A Viterbo le scuole sono state chiuse, e la neve è attesa anche a Roma tra giovedì e venerdì. Intanto in provincia di Frosinone il peso della neve ha provocato il cedimento di una parte del tendone del Palafiuggi, la struttura che ospita congressi, installata nell’ex campo sportivo della cittadina termale. Due capriate del Palazzetto, le strutture in alluminio che sorreggono il tendone, hanno ceduto a causa del peso. I vigili del fuoco sono impegnati per fronteggiare la situazione, che si sta aggravando a causa della neve che continua a scendere copiosa. Non ci sono stati feriti.

Liguria – Blocco “quasi totale”, a causa del ghiaccio sui binari, della circolazione dei treni tra La Spezia e Genova. Lo rende noto l’assessore ai Trasporti della Regione Liguria, Enrico Vesco, che preannuncia penali nei confronti di Trenitalia e sta valutando con gli uffici regionali “una eventuale denuncia per interruzione di pubblico servizio. Da giorni la protezione civile aveva anticipato le difficili condizioni meteo – sottolinea Vesco – nonostante questo Trenitalia non è riuscita ad evitare il blocco”.

Lombardia – Nevica da ieri sera su Milano e in tutta la Lombardia. Nel capoluogo sono scesi una decina di centimetri di neve e il maltempo ha provocato un grave incidente. Una donna di 46 anni è stata, infatti, ricoverata in prognosi riservata all’Ospedale Niguarda, in seguito a un incidente stradale, probabilmente per la strada ghiacciata. La donna è in coma. In città si sono create numerose code, la circolazione è lenta e i maggiori disagi vengono registrati all’ingresso nord del capoluogo, a causa della chiusura del cavalcavia di piazzale Kennedy per la formazione di un lastrone di ghiaccio nella notte. E le previsioni meteo per le prossime due settimane danno un’ulteriore diminuzione delle temperature, fino a una minima di -10 gradi a Milano.

Emilia RomagnaSituazione molto problematica sulla E45 nel tratto cesenate, in particolare nella zona montana, a Bagno e Verghereto, dove sono caduti cinquanta centimetri di neve. Dalle 2 della scorsa notte in entrambe le direzioni non possono passare i camion superiori alle 7,5 tonnellate, che in ogni entrata vengono bloccati dalla polstrada. Lunghe code di camion si sono formate tra Borgo Paglia e San Carlo. Sulla E45 si può transitare solo con pneumatici da neve oppure con le catene montate. A Bologna l’aeroporto Marconi è rimasto bloccato fino alle 13 e tutte le scuole resteranno chiuse fine a sabato dopo che sul capoluogo sono caduti oltre 30 centimetri di neve. Rinviata anche la partita di serie A Bologna-Fiorentina. Chiuse resteranno, domani, le scuole di Ravenna e Modena. Il treno Intercity Bologna-Taranto è fermo in località Villa Selva, e dalla Protezione civile hanno fatto sapere che già due tentativi di soccorso via ferrovia sarebbero falliti. A questo punto, in collaborazione con le Fs, si starebbe predisponendo un piano alternativo con pullman che dovrebbero recuperare i circa 600 passeggeri.

Piemonte Da oggi fino al 5 febbraio resterà chiuso il terzo ospedale più importante d’Italia, il Molinette di Torino. L’impianto di riscaldamento della struttura sarà, infatti, potenziato solo ad aprile e quindi i reparti di non emergenza resteranno chiusi. Dall’ospedale assicurano che “nessun ricovero è stato respinto, il riscaldamento funziona e al momento non si registrano situazioni critiche”. Ma i carabinieri dei Nas sono stati inviati dal procuratore aggiunto Raffaele Guariniello per compiere accertamenti e per acquisire informazioni sulla struttura. In tutta la regione sono stati anche soppressi 15 treni ed almeno una cinquantina segnalano forti ritardi.

Umbria – Situazioni critiche sui valichi appenninici. Al Valico della Somma la circolazione è stata bloccata per alcune ore. A Bocca Trabaria è caduto oltre un metro di neve. Chiuse le scuole di Umbertide, Città di Castello e  Todi. A Terni il prefetto Angelo Salustri ha disposto una temporanea limitazione alla circolazione dei veicoli con massa superiore alle 7,5 tonnellate. Chiuso invece il casello umbro dell’A1 dopo le forti nevicate della notte nella zona Orte-Chiusi.

Toscana – La superstrada Firenze-Pisa-Livorno è stata chiusa a tratti, tra Lavoria e Livorno e tra Firenze e Pontedera ed i quasi tutte le strade della regione è stata vietata la circolazione di mezzi pesanti con peso superiore alle 7.5 tonnellate. Oggi e domani scuole chiuse ad Arezzo e Siena. Rinviata la partita di serie A Siena-Catania. E le condizioni meteo avverse, il mare forza quattro, non permettono le operazioni di messa in sicurezza di parti della nave Concordia. La vetrata centrale della copertura della piscina di poppa si è staccata finendo sui fondali.