Quando abbiamo lanciato, su Puntarella Rossa e qui, sul nostro blog sul Fatto Quotidiano, la campagna “No scontrini no party“, sapevamo che avremmo sollevato un polverone. Perché il tema – le ricevute fiscali e i ristoranti – è di quelli delicati. Che lo stile italico mellifluo e ipocrita preferisce relegare nel laissez-faire dell’illegalità quotidiana, dello scambio di favori. Tu mi fai uno sconto, io non ti faccio la ricevuta. La furbizia italica, la dannazione che ci porterà alla rovina, ha escogitato mille metodi per rimediare a un fisco non certo benevolo, che tartassa ristoratori come cittadini comuni. Gli spettacolari blitz della Finanza ci hanno dato una scossa.

E una scossa etica, scusate il termine, può e deve arrivare anche dalla rete. Per questo, abbiamo ricevuto molti consensi e risposte positive. Alla nostra campagna si è associato il blog di Repubblica di Giuliano Foschini. Che ha usato la parola “delazione” fiscale. Parola che per molti ha un suono sinistro. Per noi no, ma ne preferiamo un’altra: boicottaggio.

Noi stiamo contro il capitano inglese Charles Cunningham Boycott, con i contadini irlandesi che chiedevano migliori condizioni di lavoro. Siamo per isolare i ristoranti e le trattorie che fanno i furbi. Siamo con Einaudi, con il suo “conoscere per deliberare”. Siamo per aprire gli occhi, guardare il bigliettino di carta senza valore che ci viene dato e deliberare di andare a mangiare altrove (vedi Pier Luigi Bersani che si accontenta dello scontrino e non guarda il seguito: “non fiscale”). Dicendolo a voce alta, segnalandolo agli amici e ai lettori di Puntarella Rossa. Non stiamo con i giustificazionisti, i benaltristi, quelli che però perché non parliamo dei dentisti? (vedi il Gramellini di oggi)

Moralismo? Integralismo? Intolleranza? No. Legge. Etica. Rispetto. Bisognerebbe, una buona volta, chiamare con il loro nome le cose. Aiutando i ristoratori onesti, la grande maggioranza, a vivere meglio senza la concorrenza sleale dei furbetti dello scontrino. E dunque boicottaggio.

Non ci date lo scontrino? Scelta vostra. La nostra sarà la vostra messa al bando.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

BUONO! Dove mangiano i grandi cuochi

di Francesco Priano e Luca Sommi 15€ Acquista
Articolo Precedente

La Concordia vista dai bambini

next
Articolo Successivo

Neve e gelo: ferrovie paralizzate in Liguria, emergenza alle Molinette. Cede il Palafiuggi

next