Marco Bazzoni è un operaio di Firenze, un delegato alla sicurezza che, da anni, ha dedicato la sua vita a contrastare le morti sul lavoro, a reclamare la applicazione delle leggi esistenti, a denunciare ovunque lo scandalo di una strage continua che ci ha fatto conquistare l’ennesima maglia nera in Europa per il numero dei decessi e degli infortuni.

Ogni giorno raccoglie e coordina notizia e denunce e, giustamente tempesta i media nazionali e locali affinché diano le notizie, non cancellino le responsabilità, non chiamino “morti bianche” quelle che sono delle morti sporche, anzi sporchissime.

In questi giorni insieme a Fosco Giannini, ha promosso una campagna per rompere la muraglia di silenzio che sembra circondare la vicenda della azienda Marlane dove sono morti oltre 100 lavoratori, ma il processo non inizia mai, ogni  volta c’è una ragione per spostare la prima udienza, per dilatare i tempi, ed il rischio prescrizione si avvicina.

Per questo i familiari, gli amici, sindacalisti, avvocati, donne e uomini che hanno a cuore questi temi, hanno deciso di lanciare un appello.

Chi condividesse questo appello è pregato di farlo girare, oppure di aggiungere sua adesione direttamente qui. Grazie a nome del Comitato.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Il populismo dei fatti

prev
Articolo Successivo

Le carceri private volute da Passera?

next