Non parlano volentieri con i giornalisti le centinaia di tassisti provenienti da tutta Italia che oggi si sono riuniti al Circo Massimo di Roma per un’assemblea generale contro le liberalizzazioni messe in campo dal governo Monti. “Sui giornali ci descrivete come una lobby, ma noi lavoriamo per un pezzo di pane. Se Monti deve colpire qualcuno vada dai politici, la vera casta di questo paese” afferma un tassista romano. Alla vigilia dell’incontro a Palazzo Chigi tra i rappresentanti di categoria e il premier Mario Monti l’atmosfera è tesa. Tra le sigle sindacali sono presenti: Unica-Cgil, Fit-Cisl, Ugl e UsbI che si lamentano per l’assenza di molte sigle sindacali che stamane hanno disertato l’assemblea al Circo Massimo visto l’incontro di domani con il governo. E contro i crumiri che invece di difendere la categoria bersagliata dal governo Monti continuano a lavorare. “Guadagniamo 1500 euro al mese se va bene – dice uno di loro – e lottiamo con aumenti di tutti i tipi, come benzina e assicurazioni”.
Video di Irene Buscemi

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Concordia, don Lorenzo: “L’isola non sarà più la stessa”

prev
Articolo Successivo

Anche a Napoli arrivano le “fontanelle del sindaco”

next