Manrico Giampedroni, commissario di bordo sulla crociera Costa, racconta la dinamica dell’incidente e le sue 36 ore da incubo a bordo del relitto naufragato proprio di fronte all’Isola del Giglio. “Mi sono accorto subito che avevamo speronato – dichiara – siamo uomini di mare, si sente uno scossone, un tremolio. Non lo so perché eravamo così vicini alla costa”. Giampedroni, 56 anni, ha una gamba rotta e altre ferite, ma se l’è cavata e ha permesso di cavarsela a centinaia di persone. “Tutti hanno fatto il loro dovere. Io sono stato nell’ultimo contingente – continua – perché la responsabilità dell’equipaggio e dei passeggeri era mia”.
Video di David Marceddu

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Anche a Napoli arrivano le “fontanelle del sindaco”

next
Articolo Successivo

Vertice con Monti, Bersani: “Rischiamo disgregazione dell’euro”

next