“Stavamo cenando quando è andata via la luce, abbiamo sentito un colpo e un boato, e le stoviglie sono cadute per terra”. Cosi ai microfoni de ilfattoquotidiano.it Luciano Castro, giornalista e naufrago della Costa Concordia. “All’inizio è stato detto che si trattava di un guasto elettrico, poi scene da evacuazione arrangiata”. Poi Castro aggiunge: “Ho notato che eravamo troppo vicini alla costa, questo sì”. Castro come altre centinaia di naufraghi è ora nel centro di Porto Santo Stefano allestito per l’occasione. “Conservo questa coperta, l’unica cosa che mi è rimasta da ieri notte”.

Alla testimonianza di Castro si aggiunge quella di un’altra donna sopravvissuta al naufragio: “Nessuno ci ha avvisato. Tutte le forze  – dichiara – che vedete ora a riva, non c’erano ieri notte all’isola del Giglio non c’erano. Ci hanno aiutato gli abitanti”. In molti confermano che gli isolani si sono prodigati a più non posso per aiutare i passeggeri della Concordia.

Video di Manolo Lanaro, David Marceddu e Giulia Zaccariello

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

La Capitaneria di Porto: “Serviranno
molte ore per dire quanti sono i dispersi”

prev
Articolo Successivo

Cosentino, tra amicizie e segreti da custodire
La rete dell’omertà che garantisce l’impunità

next