La Costa Concordia prima della tragedia all’Isola del Giglio ha avuto una serie di incidenti. Il 4 maggio del 2010, un turista di nazionalità russa di 33 anni cade in mare dal ponte della nave, il corpo verrà ripescato qualche giorno dopo, tra le ipotesi vagliate anche quella del suicidio. Sei mesi dopo una gru mobile al porto di Savona si schianta sulla nave. La gru per fortuna non crea danni, ne feriti.

Risale invece al 22 novembre 2008 l’incidente al porto di Palermo, quando a causa del forte vento, la nava da crociera ha una collisione contro la banchina del porto siciliano durante la fase di attracco. L’impatto è durissimo, si crea un ampio squarcio tra la prua e la fiancata destra della Concordia, e uno dei portelloni di prua andò distrutto. Per fortuna non si registrarono feriti.

Inaugurata solo nel 2 settembre 2005, la Concordia ebbe una battesimo “sfortunato”, durante il varo infatti di fronte ad autorità e pubblico, non si ruppe la bottiglia di champagne con cui vengono battezzate le nuove imbarcazioni che solcheranno il mare. Un brutto presagio, secondo le tradizioni marinare.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Concordia, fermato il comandante: “Ha abbandonato la nave prima dei passeggeri”

prev
Articolo Successivo

Fuori rotta, il porto lasciato da poco, stessa ora: le analogie col Moby Prince

next