“La chiusura al traffico del centro delle città rischia di non essere efficace contro l’inquinamento. A meno che non sia accompagnata da misure che riguardano l’intera area in cui ci sono le sorgenti emissive”. Lo ha detto il ministro dell’Ambiente Corrado Clini dopo il vertice tenuto a Milano sullo smog nel Nord Italia. Clini ha annunciato lo stanziamento da parte del governo di 40 milioni di euro per investimenti di ammodernamento del trasporto pubblico locale nelle regioni Lombardia, Piemonte, Emilia Romagna e Veneto. Il ministro ha espressola sua opinione anche sull’Area C, la nuova zona a pedaggio del capoluogo lombardo che da gennaio sostituirà l’Ecopass: una misura che da sola non basta. “L’Area C è un pezzo della soluzione – ha detto Clini – non la soluzione. L’inquinamento di un Comune, per esempio in Lombardia, non ha origine nel Comune stesso. L’inquinamento deve essere affrontato considerando l’atmosfera piuttosto che i confini amministrativi dei Comuni”. Milano, insomma, “non è sotto una campana di vetro”.  di Luigi Franco e Giovannij Lucci


close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Cosentino, domani decisivo il voto della Lega

prev
Articolo Successivo

Roma, Casapound dialoga con la comunità cinese

next