L’immigrazione resta uno dei temi più incandescenti e più difficili da affrontare della politica italiana. Ma la semplificazione dei percorsi di cittadinanza è indispensabile per consentire una effettiva integrazione sociale. A partire dall’introduzione dello jus soli e del voto alle amministrative ai residenti stranieri. Anche perché i lavoratori stranieri in Italia pagano tasse e contributi alle casse dell’Inps. Opportuno che il Governo metta ai primi posti della sua agenda la condizione degli stranieri.

» Politiche di buon senso sull’immigrazioneMaurizio Ambrosini 16.12.2011
» Cittadinanza e diritto di voto per l’integrazione *Andrea Stuppini 15.12.2011
»L’immigrato va, i contributi restanoPietro VertovaMatteo Cisarri 15.12.2011

Sostieni ilfattoquotidiano.it:
portiamo avanti insieme le battaglie in cui crediamo!

Sostenere ilfattoquotidiano.it significa permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, accessibile a tutti.
Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte con idee, testimonianze e partecipazione.


Grazie Peter Gomez

Sostienici ora Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Cittadinanza a punti sì, ma per i leghisti

next
Articolo Successivo

Ru486, il Piemonte del leghista Cota
ha il record di interruzioni di gravidanza

next