Il “diavolo” e “l’acqua santa” si incontrano a Imola. Coop rosse e Comunione e liberazione, sabato prossimo siederanno allo stesso tavolo (ore 11, via Provinciale Selice 17) per parlare di crisi e cambiamento. Interverranno il presidente della Fondazione per la Sussidiarietà, Giorgio Vittadini (uno dei leader nazionali di Cl), e il presidente nazionale di Legacoop, Giuliano Poletti. All’incontro partecipano anche Pietro Cassani, direttore generale del gruppo Sacmi (Società anonima cooperativa meccanici Imola, che ospita l’evento) e Salvio Santandrea, referente imolese di Cl e responsabile Fraternità per la diocesi.

L’inziativa arriva proprio dai seguaci di don Giussani. “Nella nostra realtà locale, tradizione cattolica e socialista si sono impegnate nel costruire il bene comune”, scrivono i cattolici, tendendo la mano al mondo delle coop. Ma l’incontro di sabato mira ad andare ben oltre i confini imolesi. “In relazione alla perdurante situazione di crisi che attraversa a ogni livello l’Italia, così come il resto del mondo, proponiamo il documento di giudizio di Comunione e Liberazione dal titolo La crisi, sfida per un cambiamento. Un contributo utile per un dialogo che favorisca una ripresa del nostro Paese”, si legge nell’invito.

Che lo si voglia o no, scrivono i ciellini, “la crisi esiste, e sta cambiando le condizioni di vita di milioni di persone in molti paesi, di sicuro in Italia. Ed è ormai chiaro a tutti che non esistono soluzioni politiche o tecniche. Le reazioni sono spesso determinate da due tendenze contrapposte: subirla, pensare di superarla addossando la colpa a qualcuno e finendo nel lamento; oppure ignorarla e fare come nulla fosse, senza mettersi in discussione. Invece la crisi costringe a rendersi conto del valore di cose a cui non si pensa finché non vengono meno: per esempio la famiglia, l’educazione, il lavoro”.

A Imola, d’altronde, l’avvicinamento fra mondo cattolico e mondo cooperativo non è una novità. Soltanto l’anno scorso, il vescovo Tommaso Ghirelli aveva dato la sua “benedizione” ufficiale alle coop: le sole aziende che “producono ricchezza e allo stesso tempo la redistrubuiscono”, come vorrebbero i principi cristiani di carità e uguaglianza. Senza contare che il sistema cooperativo ha dimostrato di aver resistito alla crisi economica meglio delle altre imprese.

di Elena Boromeo

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Verlicchi, accordo raggiunto. Ma 90 lavoratori su 165 non verranno riassunti

next
Articolo Successivo

All Tomorrow’s Parties: Warhol, la factory e Lou Reed in mostra a Bologna (gallery)

next