E’ stato arrestato nella sua casa di Como Mario Valsecchi, ex direttore finanziario del San Raffale di Milano, il gruppo ospedaliero fondato da don Luigi Verzè e travolto da un crac da un miliardo e mezzo di euro. Valsecchi, in carica nella passata gestione, risultava indagato nell’inchiesta aperta dalla Procura di Milano una volta emerso il “buco” nei conti della Fondazione che gestiva il centro d’eccellenza della sanità lombarda.

L’ordinanza di custodia cautelare è stata firmata dal gip Vincenzo Tutinelli su richiesta del pm Luigi Orsi, Laura Pedio e Gaetano Ruta. Gli inquirenti hanno contestato, oltre alla bancarotta, il reato di associazione per delinquere. Ipotesi per la quale il giudice ha firmato un nuovo provvedimento notificato in carcere a Pierangelo Daccò, l’intermediario in rapporti d’affari con il gruppo fermato a metà novembre. L’arresto è motivato dal pericolo di reiterazione del reato.

Tra i nuovi indagati nell’inchiesta milanese ci sono due imprenditori di Vicenza, tra cui Fernando Lora. Per l’accusa, avrebbero utilizzato lo stesso meccanismo dei costruttori Zammarchi, ossia la sovrafatturazione di costi a carico dell’ospedale e la retrocessione dei soldi agli ex vertici del San Raffaele tramite buste di contanti e bonfici per un valore di 4 milioni di euro.

Oltre che a Valsecchi e a Daccò, l’ipotesi di associazione a delinquere è contestata ad altre otto persone. Nell’inchiesta figurava anche l’ex vicepresidente Mario Cal, che si è tolto la vita a luglio. A quanto si apprende per l’arresto di Valsecchi sono state decisive le dichiarazioni di tre imprenditori: Fernando Lora, Paolo Freschi e Pierino Zammarchi. Quest’ultimo avrebbe descritto Cal come la persona che si incaricava di ricevere le buste di denaro “retrocesso” al San Raffaele.

I pm titolari dell’indagine avevano chiesto di dichiarare il fallimento del gruppo ospedaliero, ma il tribunale di Milano ha optato per il concordato preventivo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

A Firenze la camorra spolpa le aziende pulite Sette arresti per estorsioni ed evasione fiscale

prev
Articolo Successivo

Serravalle, nuovi indagati nel sistema Sesto
Anche portavoce e segretaria di Penati

next