L’anno che si chiude non è stato uno dei migliori, per usare un eufemismo, in America. Un altro anno di transizione, dal biennio del collasso, 2007-8, a – speriamo – la ripresa.

Ecco comunque le dieci più importanti eredità dell’anno 2011.

  1. La disoccupazione è ancora al 9 per cento.
  2. L’economia non è ripartita (crescita sotto il 2%).
  3. Gli Stati Uniti non sono stati coinvolti in alcuna guerra in Medio Oriente (malgrado la Primavera araba e tutto il resto).
  4. La green economy stenta a svilupparsi (e nel frattempo soffre un paio di fallimenti clamorosi).
  5. Il primo movimento radicale dal 1996, Occupy Wall Street, cambia le coordinate della politica americana.
  6. L’industria automobilistica americana è definitivamente fuori pericolo: è sopravvissuta alla catastrofe del 2008.
  7. Il mercato immobiliare non riparte (a parte alcune zone, tra cui San Francisco).
  8. Il mercato finanziario non è ripartito (con l’eccezione del primo dicembre 2011, in cui la borsa è andata molto bene).
  9. Il Congresso non legifera (a novembre ne ha dato una dimostrazione definitiva, non riuscendo a tagliare le spese nel budget 2012).
  10. La politica non guida il paese (vari esempi).

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dongiovanni dopo il bunga-bunga

next
Articolo Successivo

Gli spin alla conquista dell’immaginario pop

next